Estrazione dentale dopo devitalizzazione e ricostruzione

Buongiorno. Avrei delle domande da fare su il secondo molare superiore destro. nel Novembre 2011, per via di una carie, mi è stato deviteralizzato il dente e in seguito ricostruito. Una settimana fa, sempre lo stesso dente, mi si spacca per lungo fino alla radice, quindi il mio dentista me la tolto definitivamente. Una mia domanda è: posso rimanere senza dente? perchè una mia amica mi ha fatto vedere la sua bocca e mi ha detto che dopo che hanno tolto il dente a lei i due vicini sono diventati neri, posso pensare che, forse, lei abbia avuto un problema diverso dal mio e che a me questo possa anche non accadere? Invece, altra domanda, è vero che se non mi faccio mettere il dente nuovo quelli che ho si sposteranno verso il buco, anche se è così in fondo, lasciandomi le fassure? Ultima domanda, quella economica, quanto costerebbe un farselo mettere nuovo? e soprattutto, quanto tempo ho per dicedere se affrontare questa spesa o no? scusate le molte domande, ma chiedendo ad amici e parenti ho trovato molte risposte differenti e se chiedo direttamente al mio dentista ho paura che mi menta per farmi spendere soldi per una cosa che non so se serve. scusate ancora la lunghezza e buona giornata. Martina.

Gentile Signora, la estrazione di un elemento dentale non seguita dal ripristino della completezza dell'arcata dentale comporta la mobilizzazione sia degli elementi adiacenti allo spazio vuoto, che migrano orizzontalmente, sia antagonisti, che si muovono verticalmente. Questi movimenti hanno l'obbiettivo di ridurre lo spazio vuoto e possono determinare un cambiamento dell'assetto dell'arcata dentaria, con creazione di spazi (diastemi) interdentali e dislivelli verticali sul piano occlusale. Tutto ciò accade velocemente e già nel primo mese successivo alla presenza dello spazio si è determinata una modifica dell'assetto dentale, che peggiorerà ulteriormente nel tempo. Quindi il consiglio è di seguire quanto Le ha comunicato il Suo dentista.