Estrazione dente del giudizio in gravidanza

Buongiorno, avrei bisogno di un vostro consulto, per un dente che è stata un'oddissea. 3 anni fa andai da un dentista per dolore pulsante, mi disse che c'era una carie profonda tra gli ultimi 2 denti dell'arcata superiore. Ne devitalizzò il penultimo e otturò l'ultimo. dopo qualche mese per una nevralgia del trigemino, dallo stesso lato del trattamento dentario, mi sono recata in urgenza in ospedale odontoiatrico e dopo vari consulti dal dentista, otorinolaringoiatra, e maxillofacciale, finalmente mi dicono che il molare otturato è morto e che probabilmente si è formato un ascesso. Diagnosi confermata da una IRM, quindi mi dicono che bisognava devitalizzarlo al più presto dopo terapia antibiotica. Così ho fatto, (da un altro dentista chiaramente non dal primo, che ha declinato ogni sua responsabilità per l'accaduto) . Ci sono volute 3 o 4 interminabili sedute per il trattamento canalare, a detta del dentista a causa dei canali sottilissimi e dall'accesso difficoltoso. Sedute nelle quali il mio disconfort era altissimo, dato che ho l'apertura della bocca piccola, l'articolazione della mandibola sempre dolente e soffro di un brutto reflusso, quindi la posizione in trendellemburg con la bocca spalancata è stata per me insopportabile tenuta per due tre ore. Altre tre sedute per mettere la corona...insomma uno stillicidio di soldi e stress per curare un dente che adesso, dopo 4 mesi dalla corona mi fa di nuovo male alla pressione. Non so a cosa sia dovuto il dolore ma il dentista mi aveva preannunciato che c'era una tasca parondontica su questo dente. Il dolore sta peggiorando di giorno in giorno. Sono alla 10° settimana di gravidanza, chiaramente non voglio che la situazione si complichi per non prendere troppi farmaci, ma non voglio nemmeno rifare tutto l'iter del trattamento canalare, che ad oggi con anche le nausee sarebbe ancora più stressante per me. La mia domanda ora è posso chiedere direttamente un' estrazione per mia autodeterminazione anche laddove ci siano altre possibilità? Perchè vorrei un trattamento veloce, risolutivo e con esito certo senza ulteriori complicanze. Grazie in anticipo per la cordiale risposta

Non v’è dubbio che la decisione di accettare o meno un consiglio terapeutico è lasciato al paziente, motivo per cui se lei sceglierà di estrarre il dente del giudizio nessuno potrà obiettare tale decisione. L’unica cosa che preme sottolineare è che l’estrazione potrà essere programmata solo dopo consiglio con il suo ginecologo visto che è indicato l’uso degli anestetici solo nel secondo trimestre di gravidanza.