Estrazione e sostituzione incisivo laterale superiore con unimpianto

Un incisivo laterale superiore, già devitalizzato e rinforzato diversi anni fa con un perno metallico, ha necessità, secondo il mio dentista, in seguito a rottura della corona superstite, di essere estratto e sostituito con un impianto, poiché, dice, "la quantità di radice rimasta è insufficiente per salvarlo". Essendo io per natura molto conservativo riguardo ai miei denti, potrei chiedergli una deroga dai protocolli e, sotto mia diretta responsabilità, il salvataggio in ogni caso del dente? Grazie per l'attenzione.

Egregio Signore, purtroppo oltre determinati limiti di intervento le possibilità operative utili allo scopo di conservare i denti naturali sono destinate al fallimento. La lunghezza della radice residua alla frattura radicolare e la quantità/qualità ossea circostante, la posizione della radice nell'osso, la valutazione del rapporto grandezza della corona dentale da ricostruire - lunghezza della radice residua pilastro di essa, sono elementi che orientano il Suo dentista nella scelta fra terapia conservativa o estrattiva. Da quanto Lei ci evidenzia sembra che tutti i parametri sopra descritti siano sfavorevoli al mantenimento del dente seppur contro il Suo desiderio. Chieda al Suo dentista conferma della scelta estrattiva segnalandogli la volontà di tentare in ogni modo di conservare il dente, essendo tuttavia consapevole che, probabilmente, il Suo desiderio non sarà perseguibile.