La cura canalare

A seguito di ortopantomografia dentaria mi è stata diagnosticata una carie profonda a carico del secondo molare destro inferiore favorita dalla compressione del dente del giudizio adiacente, mai rimosso. La carie interessa la porzione posteriore del molare, ma non appare essere giunta alla polpa ed ai canali nervosi. Allo stato avverto sensibilità a freddo e caldo e fastidio intermittente. Il mio dentista propone la estrazione del dente del giudizio e del molare con successivo impianto sostitutivo di quest'ultimo. Personalmente, data anche la mia età (33) preferire una soluzione più conservative. La devitalizzazione del dente è una soluzione sempre alternativa alla estrazione? Può una carie non ancora sfociata in pulpite determinare inevitabili una estrazione? Mi consigliate di acquisire un secondo parere? Grazie.

La cura canalare e successiva protezione a mezzo di corona in ceramica sembrerebbe da quanto riferisce la soluzione più idonea per curare il dente tenendo conto che la sola sensibilità termica non giustificherebbe la sua estrazione che invece potrebbe essere consigliata per il dente del giudizio.