La terapia chirurgica parodontale

Ho 48 anni, avendo una parodontite, ho già effettuato delle pulizie profonde delle radici, ora il paradontologo mi ha però consigliato di effettuare intervento chirurgico per una pulizia profonda, ovvero 4 lembi a riposizionamento apicale. La mia domanda è, tale intervento può causare qualche danno in futuro? perchè comunque le gengive possono venir indebolite da tale intervento?
Vorrei inoltre capire se tali interventi ritardano solo il futuro impianto del dente, perchè se così fosse non so quanto ne valga la pena.

La terapia chirurgica parodontale successiva all'iniziale trattamento di levigatura radicolare ha l'obbiettivo di rimodellare i tessuti parodontali (che sono quelli di sostegno del dente: osso alveolare; legamento parodontale; cemento radicolare; gengiva) per ottimizzare le condizioni anatomiche dell'area colpita dalla malattia parodontale. Si presuppone che la prognosi sia pertanto favorevole e che gli elementi dentali interessati possano quindi essere conservati nel tempo, in presenza di una costante attenzione del paziente all'igiene orale domiciliare unitamente ad un costante osservanza dei tempi di controllo parodontale e di igiene orale professionale stabiliti dal medico curante.