Applicazione di uno splintaggio

Buonasera Dottore, la contatto per un quesito. Dopo la rimozione dell'Invisalign la mia ortodontista mi ha applicato uno splintaggio, sia sull'arcata superiore che inferiore. A seguito dei miei studi in Tecniche di Radiologia mi è stato chiesto di presentare un certificato che attestasse l'amagneticità dello spintaggio ma rivolgendomi allo studio dentistico l'ortodontista si è rifiutata di firmare alcun certificato non essendo lei la diretta acquirente del materiale, acquistato invece dallo studio dentistico. Ho chiesto quindi al direttore dello studio di richiedere la Scheda tecnica del filo utilizzato per lo splitaggio direttamente al produttore, per appurare e capire cosa ho effettivamente in bocca. Il produttore ha spedito la Scheda e, alla domanda se il materiale fosse amagnetico ha risposto di no, che il materiale è magnetico. Le scrivo di seguito la composizione: Ferro ( queste sostanze sono regolate nella loro forma di ossido) 69,5%, Cromo 18,5%, Nickel 9%, Manganese 1%, Cobalto 0,75%, Silicio Carbonio Fosforo Zolfo per equilibrare la lega. Il mio dubbio è il seguente, è legale questo tipo di lega per uso orale? Le leghe utilizzate dai dentisti non dovrebbero essere per legge compatibili con i campi magnetici? Ho il timore di avere in bocca qualcosa di scarsa qualità che potrebbe nuocere alla mia salute. Sperando in una sua celere risposta la ringrazio per il disturbo. Buona serata.

Gentile Paziente, l’uso di quel tipo di lega è perfettamente legale e può essere utilizzato in odontoiatria. Lo splintaggio al termine del trattamento ortodontico è in uso da numerosi decenni. Come alternativa può chiedere se lo stesso possa essere sostituito con una contenzione con mascherine.