Malocclusioni scheletrica di classe III

Gentile Signora il percorso diagnostico legato alla precoce terapia di una malocclusioni scheletrica di classe III è quello corretto,comprese le indagini strumentali indicate ( le radiografie da Lei citate). E' evidente che una esposizione ai raggi x comporti le necessarie precauzioni a protezione degli organi sensibili , ma nel caso specifico , se le indagini saranno eseguite secondo quanto stabilito dalle procedure indossando il grembiule ed il collare di piombo, il rischio di successive lesioni è quasi irrisorio. Riguardo allo studio da Lei citato esso si basa sui soli ricordi dei pazienti ai quali è stata in seguito diagnosticata la patologia oncologica, ed il dato anamnestico è troppo labile per essere considerabile come un indicatore specifico.